Tra l’acqua e il deserto

 

3S3A2818-pulita-SMALL frameIl black out non lo vive solo il Venezuela in questo periodo, lo vivo anche io. Blacked out, svenuta, incapace di darmi una direzione, persa nel vuoto. Ho qualche punto di riferimento che mi sono data nel tempo in caso di emergenza e proseguo. Sono nella scialuppa di salvataggio con qualche riserva ma alla deriva.

Non solo la sola ad agonizzare, la differenza é che lo so, la fine la guardo in faccia. Chi non la guarda in faccia sta rallentando la fine postando su FB e su Istangram ma ugualmente agonizzando.

Credo che il sistema in cui viviamo é alla fine, il treno ha deragliato. Nell’aria c’é un’avidità da fine del tempo. Siamo una società spaccata, frantumata dalla rincorsa ai soldi. Il problema non é la rincorsa del privato ma é quella dello Stato. Ormai ha perso qualsiasi legalità ed ha cominciato ad estorcere i soldi ai cittadini.

Passo il tempo a raccogliere documenti da dare ai professionisti delegandoli a presentarmi ricorsi. Ho ricorsi contro l’accertamento Imu, Inps, Equitalia. Ne parlo con gli amici e sono nella mia stessa identica situazione. Ho cominciato i primi ricorsi che avevo ventitré anni all’indomani della morte di mio padre. Se qualcuno mi chiede che carriera ho intrapreso nella vita rispondo quella di fare ricorsi contro gli istituti.

Non sono i soldi che devi pagare l’unico male é la paura che ti mettono addosso. E’ quella paura vischiosa che si attacca al cervello e ti fa perdere la creatività.

Sono andata al mare recentemente per togliermi la paura vischiosa dal cervello e vedere l’altra faccia della vita che scorre incurante di Equitalia..

La cosa che mi ha colpito di più?  La flemma dei beduini. Si muovono come se possedessero il mondo intero – padroni del territorio – ma sono, a confronto dello standard europeo, nullatenenti. Ho passato una sola giornata con loro durante questo viaggio ma é stato il tempo migliore, insieme a quello sott’acqua.

Sono tornata riflettendo sul fatto che un animale in natura diventa indipendente dalla famiglia in un paio di anni, mia figlia ne ha 29 e non é ancora andata via da casa. C’e’ qualcosa di veramente sbagliato nel modo in cui la società ci crea dipendenti e pieni di paure.

 

IMG_7441

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *