Una discarica a cielo aperto

Ormai da molti anni conosciamo la pericolosità della plastica: sacchetti della spesa, bottigliette, accendini, spazzolini da denti sono gli ingredienti base di un minestrone completamente non biodegradabile.
Chissà quante volte vi è capitato di andare al mare e trovare galleggiante questo materiale. Ma vi siete mai chiesti dove va a finire questa spazzatura?
Charles Moore, miliardario americano che ha deciso di abbandonare la sua vita agiata per diventare un oceanografo-ambientalista, lo ha appena dimostrato.
Un’enorme discarica a cielo aperto, denominata “Great Pacific Garbage Patch”, galleggia nell’Oceano Pacifico e appena scoperta possiede già un record: è infatti la più grande al mondo. L’insieme di spazzatura inizia a 500 miglia nautiche dalla costa californiana, si estende lungo l’Oceano, supera le Hawaii e sfiora il Giappone.
Non si tratta semplicemente di plastica galleggiante, ma di un minestrone di spazzatura semitrasparente che galleggia proprio sotto la superficie del mare e per questo motivo non è rilevabile dalle foto satellitari.
Da sempre la spazzatura che finisce in mare si degrada, certo ogni componente ha i propri ritmi e tempi di degradazione, ma la plastica è indistruttibile, tanto che nell’isola galleggiante sono stati ritrovati “reperti” databili a mezzo secolo fa.
Moore, erede di una famiglia di petrolieri e ex marinaio, si era imbattuto per caso in questa preoccupante “neoformazione” nel 1997, mentre navigava a margine del percorso di una regata. Si è trovato per un intera settimana in mezzo ad un mare di immondizia.

Quell’incontro cambiò le sue scelte di vita ed una volta rientrato in America decise di fondare l’Algalita Marine Research Foundation e di informare il mondo di ciò che stava accadendo lontano dagli occhi umani.
Un quinto della spazzatura proviene dalle navi, ma il resto viene gettato via a terra.
Gli scienziati hanno definito il Great Pacific Garbage Patch come un enorme organismo vivente che viene tenuto insieme, e nello stesso tempo trasportato, dalle correnti marine, ogni anno aumenta di dimensioni…..fino a che punto arriverà?

LINKS:
http://algalita.org/
scaricate il pdf informativo:
http://algalita.org/pdf/plastics%20are%20forever%20english.pdf
http://www.youtube.com/watch?v=rsezwSydCzo&feature=PlayList&p=D081742881A773E8&index=0&playnext=1
http://www.youtube.com/watch?v=z7rNYzSH-BA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.