Festa a scuola per l’ambiente

Una piccola grande iniziativa avrà luogo il prossimo 13 Maggio a Roma. Appena ne sono venuta a conoscenza non ho potuto fare a meno di appassionarmi all’idea; una goccia d’acqua nel mare fatto di grandi progetti, come quelli di cui ci siamo occupati sin ora; è proprio la sua natura e la sua origine a renderla unica e molto interessante, perché sintomo di un sempre più concreto sforzo collettivo di capire come funziona questo mondo e come curarlo. Il prossimo mercoledì, i 540 bambini della Scuola Elementare Vittorio Alfieri di Roma si incontreranno a Villa Carpegna per dar vita, insieme, alla FESTA DELL’AMBIENTE!

La festa, però, è solo la meta di un percorso lungo e articolato che ha permesso ai bambini di prendere coscienza del fascino della natura che li circonda e dei problemi del nostro vecchio mondo soprattutto di quelli causati dall’uomo. Durante questa fase, poi, i bambini sono diventati propositori di nuove idee ecologiche che vedranno durante la festa la loro realizzazione.

Ecco che la raccolta differenziata diventa una gara per i più giovani; i più grandi, invece, parteciperanno alle vicende di un piccolo nucleo familiare (mamma, papà-vigile urbano e figli) all’interno del quale dovranno escogitare soluzioni per risparmiare sui consumi quotidiani (automobile, elettricità, acqua…).
Alla fine della giornata, poi, tutte le classi avranno imparato a creare con le proprie mani il cestino arlecchino per la carta da riciclare (fatto con materiale di scarto) e avranno assistito nonna Elena nella magica trasformazione della lana grezza in un bel maglioncino…. il tutto accompagnato da un numero di filastrocche divertenti che ricordano i bei tempi passati…

Come accennato prima, l’evento serve a definire la fine di un percorso portato avanti da tutte le classi della scuola grazie all’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma-Dipartimento IV che lo ha finanziato, ma in primo luogo grazie al supporto di Spazio Etico (Associazione di promozione sociale) che ha fornito le competenze più varie ma soprattutto tanta fantasia e passione.

Si tratta di un insieme di persone provenienti da tanti ambienti ed esperienze diverse legate da una condivisione di valori. La loro missione è di comunicare il significato della parola etica e mettere in luce l’impatto sociale e ambientale delle scelte e dei comportamenti quotidiani di ognuno di noi. In questo contesto si inseriscono perfettamente le loro attività collaterali di raccolta dei cellulari usati per il riciclaggio e il riuso e l’istituzione di un G.A.S. (gruppo di acquisto solidale).

Tutto è iniziato con un progetto di sensibilizzazione ai temi della raccolta differenziata e del risparmio dei consumi, rivolto agli alunni delle scuole elementari della periferia nord-ovest di Roma, attraverso attività educative di vario tipo. Il progetto ha incontrato l’esigenza della scuola elementare Vittorio Alfieri di Roma che già da tempo organizzava questa festa. Grazie alla partecipazione di Spazio Etico si è potuto porre l’accento su temi di educazione ambientale. La scuola, a tal scopo ha adottato Villa Carpegna un piccolo parco, nel quale appunto si svolgerà l’evento. Nell’ultimo mese tutte le classi hanno partecipato a delle visite didattiche, organizzate proprio nella villa, per conoscere la storia della famiglia che l’ha abitata; l’attenzione poi è stata rivolta alle piante, alla loro osservazione e identificazione anche tramite miti e leggende che le vedono protagoniste. L’obiettivo è quello di far partecipare tutti i bambini, tramite il gioco, ai grandi temi quali la riduzione dei consumi, l’importanza della raccolta differenziata, l’integrazione culturale e la valorizzazione dell’artigianato, scoprendo che è possibile anche reinventare un mestiere in modo etico.

C’è sempre qualcosa di nuovo da imparare; informandomi per questa iniziativa ho scoperto che con un giornale si può fare un rotolo di carta igienica, con 25 bottiglie di plastica da 0,5 l una morbida felpa in pile e con 800 lattine addirittura una bicicletta superaccessoriata…. Quindi, ragazzi, riciclate!

CONTATTI:
info@spazioetico.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *