Igiene e bellezza in armonia con la natura

Igiene e bellezzaGli italiani non rinunciano alla cura della bellezza e nel 2008 si registra un forte incremento della cosmetica fai da te a fronte di una sostanziale stabilità dell’industria della cosmetica che raggiunge un fatturato di 8,3 miliardi di euro secondo i dati presentati da Unipro (l’Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche).

Le antiche ricette per maschere di bellezza, infusi e tisane salutari, ma anche i rimedi utili per pulire la casa senza usare prodotti chimici, derivano tutte da prodotti naturali, hanno mille varianti, sono economiche e sono semplicemente alla portata di tutti. Le notevoli virtù cosmetiche e salutari dei prodotti della terra sono ben note all’industria del benessere considerato che la gamma dei prodotti che riempiono gli scaffali di profumerie e farmacie sono in continuo aumento.

Basta poco, qualche ingrediente facilmente reperibile, un po’ di pratica e qualche minuto per risolvere tanti piccoli problemi quotidiani con prodotti naturali, economici e rispettosi dell’ambiente.

E’ utile sapere che, per esempio, lo yogurt è un addensante naturale con grandi proprietà emollienti; il miele è molto idratante, cicatrizzante e nutriente; tutta la frutta di stagione è ottima per rendere la pelle luminosa e l’olio extravergine d’oliva, invece, è una fonte inesauribile di salute per la pelle perché, grazie alla sua acidità, fortemente compatibile con quella dell’epidermide, svolge una funzione emolliente e protettiva ed è anche un ottimo antiossidante e anti radicali liberi che quotidianamente, a causa di variazioni climatiche, fumo e inquinamento, la rovinano.
Parlando invece di aceto, la sua azione lucidante sui capelli è nota da tempo.

Ricette e consigli
Un metodo per utilizzarlo può essere quello di far bollire per mezz’ora 100 gr di foglie di ortica sminuzzate in ¾ di litro di acqua e mezzo litro di aceto di vino. Basta passare una volta alla settimana del cotone imbevuto in questa soluzione sul cuoio capelluto per avere subito capelli più sani e robusti.
Per togliere il trucco, invece, si può utilizzare un batuffolo d’ovatta con un poco di burro o margarina oppure è ottimo l’olio di mandorla (il migliore è quello spremuto a freddo, in quanto è ottenuto da un procedimento esclusivamente meccanico senza impiego di sostanze chimiche). Se si ha una pelle molto grassa è meglio usare olio d’oliva (contrariamente a quanto si potrebbe credere è anche l’unico elemento nutritivo tollerato dalle pelli grasse, grazie al suo elevato tasso di acidità).
Per chi vive in città poi è indicata, almeno una volta al mese, una pulizia profonda della pelle del viso: si può preparare un infuso di fiori di camomilla (30 gr in mezzo litro d’acqua); tenere il viso sopra la pentola ad una distanza di 30-40 centimetri per una decina di minuti, coprendo la testa e le spalle con un grande asciugamano in modo da raccogliere tutto il vapore sul viso. Con il sudore, dai pori completamente aperti,
usciranno tutte le impurità della pelle e i depositi di grasso eccessivo. Per purificare la pelle grassa si può utilizzare questa maschera costituita da 1 cucchiaio di miele e 1 cucchiaio di pomodoro fresco. Si tiene in posa sul viso per 20 minuti e si risciacqua con acqua tiepida.
Per rendere la pelle più liscia e luminosa, si può utilizzare una maschera a base di zucca, grazie alle sue proprietà disintossicati e seboequilibranti. Si schiaccia un po’ di polpa di zucca cruda insieme ai semi.
Quando si ottiene una poltiglia abbastanza omogenea si aggiungono due cucchiai di miele e si applica sul viso e sul collo. Si lascia riposare per una decina di minuti e si risciacqua.
Per ridurre le occhiaie, si può utilizzare quest’altra maschera: 1 tuorlo, 1 cucchiaio di miele millefiori, 1 cucchiaio d’olio di oliva, 1 cucchiaio di latte fresco. Si tiene in posa per 10 minuti e si risciacqua con acqua tiepida alternata a fresca.
Invece, un rimedio naturale ottimo per i piedi, per rendere la pelle liscia e morbida senza callosità e duroni, consiste in un pediluvio di acqua tiepida con un cucchiaio di sale e due di bicarbonato di sodio. Si lascia il piede in ammollo per almeno mezz’ora prima di poter usare la pietra pomice sulle parti indurite.
Alcuni suggerimenti si possono fornire anche per eliminare disturbi imbarazzanti: combattere l’alito cattivo con un infuso di menta con il quale risciacquare ripetutamente la bocca; contrastare l’eccessivo sudore passando sotto le ascelle la polpa di un limone; contro i foruncoli si può strofinare una fetta di cipolla 2 volte al giorno.
Concluderei dicendo che forse vale la pena prendersi cinque minuti per leggere cosa c’è dentro quello che usiamo, che non sia testato su animali, che sia davvero “naturale” e così via. Proprio perché è più vicino ai processi biologici, il prodotto naturale non fornisce risposte immediate.
Ma stimola la pelle affinché “impari nuovamente” a produrre le sostanze che la mantengono bella e sana. Insomma, è un metodo più olistico, che tiene conto delle capacità del corpo di curarsi e rigenerarsi da solo.

L’articolo fa parte del  libro di Sonia “Naturalmente Sonia, alimentazione e benessere per genitori e bambini. Il libro è una raccolta degli articoli scritti da Sonia negli ultimi 3 anni.

Parlando invece di aceto, la sua azione lucidante sui capelli è nota da tempo. Un metodo per utilizzarlo può essere quello di far bollire per mezz’ora 100 gr di foglie di ortica sminuzzate in 3/4 di litro di acqua e mezzo litro di aceto di vino. Basta passare una volta alla settimana del cotone imbevuto in questa soluzione sul cuoio capelluto per avere subito capelli più sani e robusti.

Per togliere il trucco, invece, si può utilizzare un batuffolo d’ovatta con un poco di burro o margarina oppure è ottimo l’olio di mandorla (il migliore è quello spremuto a freddo, in quanto è ottenuto da un procedimento esclusivamente meccanico senza impiego di sostanze chimiche). Se si ha una pelle molto grassa è meglio usare olio d’oliva (contrariamente a quanto si potrebbe credere è anche l’unico elemento nutritivo tollerato dalle pelli grasse, grazie al suo elevato tasso di acidità).

Per chi vive in città poi è indicata, almeno una volta al mese, una pulizia profonda della pelle del viso: si può preparare un infuso di fiori di camomilla (30 gr in mezzo litro d’acqua); tenere il viso sopra la pentola ad una distanza di 30-40 centimetri per una decina di minuti, coprendo la testa e le spalle con un grande asciugamano in modo da raccogliere tutto il vapore sul viso. Con il sudore, dai pori completamente aperti, usciranno tutte le impurità della pelle e i depositi di grasso eccessivo. Alcuni suggerimenti si possono fornire anche per eliminare disturbi imbarazzanti: combattere l’alito cattivo con un infuso di menta con il quale risciacquare ripetutamente la bocca o contrastare l’eccessivo sudore passando sotto le ascelle la polpa di un limone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *