Un vero miracolo della scienza: il vetro liquido

Quante volte è capitato di dover proteggere oggetti domestici e non solo dalla polvere, dai batteri e dal deterioramento del tempo? Fino ad oggi l’unico rimedio era una pulizia sistematica, una costante manutenzione oppure una soluzione più antiestetica come quella di coprire il tutto con un telo o del cellofan. Dalla Germania ecco però un’invenzione contro i virus, lo sporco e l’usura del tempo: uno spray che emana una sostanza trasparente a protezione di oggetti e anche luoghi, una sorta di “vetro liquido”. Il suo nome ufficiale è SiO2 ultra-thin layering, ma è già stato ribattezzato dagli addetti ai lavori come Liquid Glass. Lo spray potrà essere utilizzato negli ospedali come sui monumenti, nelle vigne, sui tessuti ed altri oggetti domestici. Funziona da barriera e dura a lungo. È ecologico, perché permette alle superfici di respirare, e non inquina. Il prodotto è stato inventato in Turchia, ma ad acquistarlo è stata la tedesca Nanopool, un’azienda affermata nel campo delle nanotecnologie. I tecnici specializzati del settore lo hanno già definito “miracoloso” e la Nanopool, produttrice del prodotto, lo ha già sperimentato in diverse catene alberghiere, ristoranti e fastfood. Il prodotto è già in vendita in Germania al costo di 9 euro ed è in arrivo sugli scaffali inglesi a primavera.
I test sul liquido tedesco fatti dall’Institute for New Materials a Saarbrucken (Germania) hanno rivelato una molteplicità di applicazioni dalle conseguenze importanti: il “vetro liquido” protegge il legno dall’attacco delle termiti, i vigneti dalla formazione dei funghi, le teste dei treni ad alta velocità dall’attrito (le poltrone e le toilette da sporcizie diverse), ma anche le aziende di moda potranno conservare intatti cappotti e borse di ogni tipo dall’usura del tempo, della polvere e delle macchie. È una specie di “protettore” che vale contro tutto: dovrebbe resistere anche contro acidi, olio e raggi ultravioletti. Quando batteri o altri microbi si appoggiano sulla superficie imbevuta, non vengono uccisi, ma viene loro impedito di dividersi e riprodursi, tanto che ne basta una spruzzata per tenere lontano sporco e batteri per quasi un anno.
Il segreto del “vetro liquido” è che forma una pellicola protettiva centinaia di volte più sottile di un capello, ma molto più resistente. Questa pellicola è in grado di igienizzare l’area interessata, è capace di creare una valida barriera che oltre ad isolare e proteggere l’oggetto, è anche sigillante ed idrorepellente. Non servono prodotti aggiuntivi per igienizzare, basta dell’acqua. Lo spray, che può essere in una soluzione di acqua o alcol (a seconda degli usi), è composto per la maggior parte da diossido di silicio puro, l’elemento chimico che si trova nel quarzo, il minerale più abbondante sulla terra. Consiste, appunto, in una dispersione di biossido di silicio, disperso in una miscela di acqua ed etanolo, cui sono stati aggiunti altri componenti che stabilizzano la dispersione e il mantenimento in sospensione delle particelle. Secondo quanto riferisce l’azienda produttrice, gli additivi contenuti all’interno della miscela sono comunque generici e non hanno alcuna influenza sul processo di attaccamento delle molecole della silice al supporto. Al contrario, l’aggancio avviene sfruttando la tecnologia dei quanti, cosa che consente un’adesione estremamente forte e capace di isolare completamente il supporto dall’esterno, con una efficacia molto superiore rispetto alle comuni vernici.
Viene prodotto in molte varianti per i diversi scopi. Un ospedale di Southport, nel Lancashire (Inghilterra), starebbe usando il vetro liquido da un anno e i risultati dell’esperimento, che saranno pubblicati nel giro di qualche settimana, sembrano essere molto promettenti. Le proprietà autopulenti della pellicola liquida potrebbero tagliare drasticamente l’uso di agenti tossici per lavare e lustrare, e di conseguenza i costi di colf e camerieri.
Neil McClelland, responsabile marketing di Nanopool Inghilterra, spiega al Daily Mail che l’utilizzo del vetro liquido consentirà ai consumatori di risparmiare molti soldi in prodotti di pulizia, vista l’effettiva efficacia del prodotto che protegge da qualunque tipo di macchia. Protegge a tal punto, sostiene sempre McClelland, che si potrebbe anche versare un’intera bottiglia di vino rosso su una camicia di seta (se trattata, naturalmente) e pulirla senza problemi o fatica. Il manager ha affermato che presto ogni oggetto posto in vendita potrebbe essere coperto da questo tipo di vetro che, comunque, potrà essere in ogni momento asportato semplicemente bagnando l’oggetto con acqua bollente.
Ma non è finita qui. Lo spray può essere utilizzato anche per proteggere le opere d’arte, come monumenti e statue. Scienziati turchi lo hanno spalmato sul Mausoleo Ataturk di Ankara e sulla moschea Ilyas Bey di Mileto (XV secolo) per 18 mesi: sono diventate idrorepellenti e i colori sono rimasti intatti. In Gran Bretagna stanno pensando di coprire con il liquido i memoriali e altri edifici storici.
Niente da dire, il “vetro liquido” potrebbe rappresentare la vera rivoluzione nel campo della pulizia e della manutenzione: addio detersivi, addio agenti tossici per far brillare oggetti e superfici e addio soprattutto ai graffiti su monumenti, muri e treni. Il liquido delle bombolette dei graffitari non rimarrebbe infatti impresso sulla superficie, resa immune praticamente a tutto, o quasi.
Più che scienza, sembra fantascienza l’idea di uno spray che, spruzzato su qualunque superficie, la protegga da sporco, usura del tempo e persino dai graffiti e che, stando agli studi di laboratorio, sarebbe pure in grado di tenere fresco il vino.
Quotidiani e siti internet importanti, come il Telegraph e Popular Science ne stanno dando ampia diffusione con i loro mezzi, per cui non resta altro che rimanere in attesa della dimostrazione su scala mondiale.

Link per approfondire:

http://www.nanopool.eu/
http://www.inm-gmbh.de:80/de/ueber-uns//
http://www.telegraph.co.uk/science/science-news/7125556/Liquid-glass-the-spray-on-scientific-revelation.html
http://www.popsci.com/science/article/2010-02/spray-liquid-glass-coating-can-protect-anything-form-just-about-anything

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *