Campi estivi preistorici

Siccome mia figlia più grande l’anno prossimo andrà alla materna e quindi dovrò “piazzarla” in qualche centro estivo almeno a luglio, ho cominciato a documentarmi su cosa il mercato offre. Magari solo per farle fare delle gite o delle esperienze nuove, che non siano parchi acquatici o circhi (poveri animali!). A questo punto mi si è aperto un mondo. Adesso vi spiego perché.

Partiamo dalla mia città, Roma. Ho scoperto che il Museo Civico di Zoologia è un inesauribile “pozzo” di risorse per poter far vivere al proprio figlio esperienze incredibili e nuove. Il 27 maggio scorso c’è stato “Scienza divertente: 90 minuti da…”. 90 minuti da Entomologo con un laboratorio ludico e interattivo per avvicinarsi a questo particolare micromondo usando microscopi, lenti e pinzette per conoscere più a fondo gli insetti, scoprire come sono fatti e come vivono in società e “ricostruirne il corpo” scatenando la creatività.

90 minuti da Paleontologo alla ricerca di fossili e ossa all’interno di uno scavo paleontologico: la loro ricostruzione e riproduzione con calchi in gesso ci svelerà i segreti di animali ormai estinti e del loro mondo passato. Sempre al museo civico, ci sono inoltre 4 tipi di campi estivi dedicati ai dinosauri, al mare, alla terra e agli animali.
[…]

L’intero articolo fa parte del nuovo libro di Sonia “Naturalmente Sonia, alimentazione e benessere per genitori e bambini. Puoi continuare a leggerlo acquistandolo. Il libro è una raccolta degli articoli scritti da Sonia negli ultimi 3 anni.
Pianeta Dinosauri: un avventuroso viaggio nel tempo attraverso le ere geologiche, le glaciazioni e le estinzioni di massa.

Pianeta Mareprevede una settimana per immergersi in un mondo d’acqua, la risorsa più preziosa ed indispensabile per ogni essere vivente.

Pianeta Terra prevede un’elettrizzante settimana alla scoperta della Terra, dei suoi affascinanti fenomeni naturali (terremoti, vulcani etc.) e delle stupefacenti modificazioni che hanno permesso l’origine della vita.

Pianeta Animali: a caccia di impronte, tracce, pelli, ossa e scheletri per riconoscere ed identificare la grandissima varietà di animali esistenti … e verificare che anche noi facciamo parte del vastissimo regno animale!

In giro per l’Italia poi esistono tante belle e sane realtà che andrebbero conosciute e provate, soprattutto dai più piccolini abituati a passare ore davanti alla televisione o ai videogiochi. Chissà che quest’estate non prendiate spunto per organizzare qualcosa con loro!

A Rivolta d’Adda, a pochi minuti da Milano, esiste un intero parco a tema il “Parco della Preistoria”, dove percorrendo una stradina in mezzo alla boscaglia si possono incontrare i giganti del passato e le ricostruzione di alcuni uomini primitivi. Un piccolo stand contiene alcuni diorami dove viene illustrato come lavora un paleontologo, come si realizza uno scavo e come si riporta alla luce un fossile.

In mezzo alle colline toscane, a 40 Km da Pisa, si trova invece il Parco preistorico di Peccioli, dove i bambini potranno seguire un percorso didattico ben congeniato che passa attraverso un finto vulcano che erutta, le grotte dei cavernicoli e giganteschi modelli, a grandezza naturale, dei più comuni dinosauri preistorici.

Se, invece, non amate le ricostruzioni in plastica e cemento, ma preferite piccoli fossili originali, il posto migliore dove recarvi è in provincia di Verona presso la località di Bolca, capitale mondiale dei fossili dell’Era terziaria, dove potrete visitare il grande museo paleontologico, dove sono conservati un gran numero di fossili: piante, pesci, trilobiti che i sedimenti e il tempo hanno trasformato in fossili. I percorsi sono fruibili anche dai più piccoli, grazie alla possibilità di seguire itinerari a loro dedicati con attività didattiche pensate per far divertire anche i piccoli paleontologi più esigenti.

Sulla stessa scia si inserisce la mostra aperta ad Udine, nell’ex Chiesa di S. Francesco, intitolata “Dinosauri della Patagonia: i giganti dell’Argentina”, dove resteranno esposti fino al 25 settembre una ventina di maestosi esemplari provenienti dal Sud America: si alterneranno spazi dedicati ai bimbi, con attività ludico-didattiche, e spazi interattivi con ricostruzioni di ambienti primitivi e immagini, che permetteranno anche ai più piccolini di prendere familiarità con il magico mondo dei dinosauri.

Dal 1 marzo al 2 settembre 2012 a Firenze presso il Museo di Storia Naturale, attraverso un approccio divulgativo, didattico e divertente, si svolge una mostra dal titolo”Dinosauri in carne e ossa” con lo scopo di avvicinare il grande pubblico a una delle più affascinanti tra le Scienze e si propone come una sorta di laboratorio in continuo divenire.

La mostra propone 40 ricostruzioni iperrealistiche in scala 1:1 di dinosauri e altri animali preistorici, alcuni dei quali di dimensioni colossali, 9 murales con animali preistorici e ricostruzioni paleoambientali, 110 pannelli didattici illustrati per soddisfare ogni curiosità, 120 opere di illustratori italiani di fama internazionale esposte in una galleria di paleoarte, l’esposizione di fossili, calchi e strumenti di lavoro, come si costruisce un dinosauro nella sezione making-off, un progetto di paleo-acquario 3D, una sezione dedicata al territorio e laboratori e visite guidate calibrate sulle varie categorie di pubblico.

A Lignano Sabbiadorosorge su un’area di circa 40.000 mqil parco tematico inaugurato nel 2000,Gulliverlandia. Qui è presente la mostra dei Dinosauri: ben 15 “bestioni“, sculture di animali preistoricirealizzati a grandezza naturale e corredati da cartelli didattici, accoglieranno i visitatori tra i sentieri del parco. Si tratta di una mostra unica in Italia, sia per il numero dei soggetti sia per la definizione dei particolari con cui sono stati realizzati.

DINOSAURS-LAB è invece un’iniziativa del Museo Paleontologico Campano sito nel cuore della costiera sorrentina che prevede una straordinaria visita guidata tra minerali e fossili, abbinata a un divertente laboratorio multimediale. Ricostruzioni di dinosauri virtuali che interagiscono con gli studenti e ricostruzioni di dinosauri in carne, ossa e … carta!

Infine una chicca, se vi trovate in Friuli c’è da non perdere il Sentiero dei Dinosauri di Preone, dove sono stati ritrovati i più antichi fossili finora scoperti al mondo di Pterosauri. Lungo il percorso sono collocati pannelli che descrivono il passato paleontologico del territorio e consentono di approfondire la conoscenza dei fossili.

Link per approfondire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *