Il miracoloso olio di Argan

Olio di argan

Nella regione del Souss un triangolo di deserto tra Marrakech, Agadir e Essaouira che si affaccia sull’oceano Atlantico cresce una pianta millenaria, l’Argania spinosa o Argania sideroxylon. Per secoli ha proliferato nelle vallate del nord Africa ma oggi, in seguito ad un disboscamento sconsiderato per sfruttarne i legni pregiati o per ottenere terra coltivabile, gli ultimi esemplari d’Argan sopravvivono in una sola vallata. Solo nel 1996 l’UNESCO ha dichiarato l’albero d’Argan patrimonio dell’umanità salvandolo dalla definitiva estinzione. Quest’albero non può crescere al di fuori del Marocco, nonostante i vani tentativi di seminarlo altrove.

L’Argania spinosa una volta all’anno produce un frutto pregiato, simile a una grossa oliva, di colore verde chiaro. I semi vengono macinati e si ottiene una pasta che viene spremuta a freddo per avere il pregiatissimo olio d’Argan. Servono quasi cento chili di nocciole e una giornata di lavoro per ottenere i semi necessari per un singolo litro d’olio (forse è per questo che costa tanto!).

Le varietà di olio di Argan prodotte, che differiscono per la tostatura dei noccioli e per il tipo di uso, sono due: l’olio cosmetico (per spremitura a freddo delle noci), più chiaro ed usato sulla pelle, sui capelli, per le unghie e per i massaggi e l’olio alimentare, più scuro, dal sapore forte e deciso, adoperato per la cucina quotidiana (ad esempio per il couscous). Unito alle mandorle e al miele, è ingrediente dell’amlou beldi, la crema tradizionale marocchina che, ancora oggi, si offre ai visitatori in segno di benvenuto, assieme al pane e al tè alla menta.
[…]

L’intero articolo fa parte del nuovo libro di Sonia “Naturalmente Sonia, alimentazione e benessere per genitori e bambini. Puoi continuare a leggerlo acquistandolo. Il libro è una raccolta degli articoli scritti da Sonia negli ultimi 3 anni.

L’olio di Argan, detto anche “Oro del deserto” per i suoi straordinari e preziosi poteri, oltre a donare un tipico e originale sapore ai piatti della cucina tradizionale berbera, ha eccezionali proprietà nutrienti, protettive, idratanti e ristrutturanti. Le donne di questi luoghi, le sole a lavorarlo e a custodirne gli straordinari poteri fino ad oggi, lo adoperano da secoli per proteggersi dalle aggressioni del vento e della sabbia; la sua alta tollerabilità permette anche di massaggiarlo sulla pelle delicata dei loro bimbi e gli sono state riconosciute eccellenti proprietà lenitive.

E’ costituito soprattutto da gliceridi, esteri di acidi grassi e di glicerina. Gli acidi grassi dell’olio di argan sono costituiti dall’80% di acidi grassi insaturi (oleico, linoleico e linolenico) e il restante da acidi grassi saturi (stearico e palmitico).

Efficacemente straordinario è il suo ruolo di dinamizzatore cutaneo, che lo rende capace di contribuire alla riattivazione delle funzioni vitali delle cellule. Il suo potere è assolutamente unico: ricco di vitamina E, A ed F, antiradicali e antiossidanti, esercita una preziosa azione protettiva, idratante, emolliente, nutriente e antirughe. E’ l’imperatore degli oli cosmetici, contiene una dose elevata di squalene, che agisce efficacemente come protezione della pelle. Quest’idrocarburo è un precursore di molti metaboliti fra cui l’ormone anti-invecchiamento: il DHEA (deidroepiandrosterone).

L’olio di argan contribuisce a proteggere l’elasticità e la bellezza della vostra pelle aiutando a combattere i segni rivelatori di invecchiamento. Contenendo sostanze antiossidanti e acidi grassi essenziali è uno dei migliori rimedi esistenti contro l’invecchiamento della pelle.

L’olio di Argan cura le unghie fragili, proteggendole contro le aggressioni esterne. E’ sufficiente miscelare l’olio in quantità pari con del succo di limone ed immergere le mani nel composto per almeno 10 minuti. Il trattamento deve essere ripetuto regolarmente una volta alla settimana per circa 2 mesi. In questo modo, le unghie e le cuticole avranno un aspetto sano e curato.

Migliorando l’idratazione della pelle, l’olio di argan è in grado anche di aumentare le difese dei tessuti, mitigare rossori ed eczemi e favorire i processi di guarigione delle bruciature o curare gli eritemi solari. La sua azione lenitiva è utile in caso di distorsioni e contusioni. Non meno importante è l’ulteriore proprietà antisettica nei confronti dei microrganismi che causano infezioni cutanee, dermatiti e psoriasi.

L’olio di arganfornisce un immediato beneficio se utilizzato in un leggero massaggio sulle zone del corpo particolarmente secche. Può essere utilizzato anche per la pelle del seno.

Le sue proprietà emollienti e tonificanti lo rendono il migliore olio con attività rassodante, adatto alla cura del rilassamento cutaneo. E’ fondamentale per contrastare la formazione delle smagliature, soprattutto in gravidanza, per combattere le rughe e per restituire elasticità e tensione alla pelle secca, sensibile e disidratata.

Effetti sbalorditivi li ha sui capelli. Si può utilizzare in diversi modi. Può essere una maschera se dopo lo shampoo lo si applica e lo si distribuisce sui capelli dalle radici alle punte: attendere qualche minuto e poi risciacquare solo con acqua o aggiungendo pochissimo shampoo se si hanno i capelli grassi. Oppure in estate, dopo aver sciacquato via il sale, mettilo sui capelli appena umidi e lascia che si asciughi. Noterai subito la differenza, perché l’olio restituirà l’idratazione persa a causa del sale e dell’esposizione al sole.

 

La nota trasmissione televisiva Striscia la Notizia ha denunciato l’esistenza di aziende che vendono boccette con la dicitura “Olio di Argan” ma che, in seguito ad una analisi chimica in laboratorio, non hanno Argan al loro interno.

Quindi teniamo presente che per essere puro deve riportare sull’etichetta la dicitura “argania spinosa oil” e che inoltre sia l’unico ingrediente presente. Perché il vostro olio sia veramente puro, non dovranno infatti essere stati aggiunti né profumi né conservanti. E diffidate del prezzo troppo basso di un olio di argan puro!

Per approfondire:

Latest Comments
  1. chiara
    Rispondi -
  2. Susan Spinella
    Rispondi -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *