Changes

IMG_8242

Questo viaggio mi ha preso un anno di preparazione. A settembre 2012 ho deciso che se volevo fare qualche bella fotografia mi sarei dovuta impegnare. I fotografi subacquei che producono vivono in acqua, io vivevo in due città. Ho cominciato a rinunciare ad una. Ho lasciato la casa di Roma e spostato tutto in campagna in Inghilterra. Altro cambiamento meditato da sempre.

L’ultimo post del sito è ad Aprile, ho una montagna di cose in arretrato da scrivere ma non ho avuto il tempo per farlo. Arrivavo la sera sul computer troppo stanca. Ho fatto una corsa contro il tempo sapendo che i primi di ottobre sarei dovuta partire.

Adesso sono in Indonesia in un posto incredibilmente meraviglioso. Non ho parole per dire quanto sono felice di trovarmi qui. E’ una sensazione strana quando finalmente un sogno si avvera. Lo guardi e ti dici vedi te l’avevo detto che saresti stata bene..

Sono arrivata in casa di sera con il buio, dopo due ore di macchina dall’aeroporto. Le ultime curve hanno messo a dura prova la digestione delle Pringles al sale e alghe che avevo appena finito di mangiare.

Dopo cena sono crollata sul letto.

Il mattino dopo mi sono svegliata appena ho visto filtrare la luce dalla finestra. Erano le 6. Sono uscita sulla terrazza e mi sono sdraiata sul divano a guardare il panorama. Ero senza fiato dalla bellezza e serenità. La casa è appoggiata su una collina che guarda verso la valle. Tutto intorno ci sono alte colline ricoperte di giungla. Solo a sinistra la collina è stata modellata in piccole terrazze coltivate a risaie.

Il cielo era ancora buio, nuvoloso. La notte avevo sentito uno scroscio di pioggia pesante intorno alle 2, le nuvole ne erano ancora cariche.

C’è qualcosa di propiziatorio e fertile nelle nuvole cariche di pioggia, un cielo così è una benedizione e sono rimasta a guardarle affascinata mentre passavano lentamente sulla cima della collina davanti a me per un paio di ore. Se solo mi potessi muovere con quella leggerezza, ho pensato, mentre bevevo sorsi da una tazza di caffellatte caldo fatto con caffe locale.

Il resto della giornata l’ho passato facendo un controllo dell’attrezzatura che ho portato.

La mia casa (la mia stanza) è perfetta. E’ grandissima con finestre da tutti i lati che danno su questa campagna/giungla che ho sognato sempre di poter vivere un giorno o l’altro. Ho una grande scrivania che affaccia su un bananeto, la valle e la collina delle nuvole.

Nella stanza c’è una letto con la zanzariera e tanti ripiani dove ho organizzato le macchine fotografiche.

Ogni tanto ho il terrore di avere dimenticato un cavo o una batteria a casa e poi quando la trovo ringrazio il cielo di avere avuto la testa di organizzare tutto con il tempo necessario.

Considerata la fatica che ho fatto per portarmi dietro tutta l’attrezzatura ho pensato di crearmi una base qui a Bali e poi negli anni viaggiare verso i paesi limitrofi. Vorrei arrivare fino in Australia e visitare la maggior parte delle isole del Pacifico. Ma vorrei anche andare in Birmania e in Buthan, non solo mare. Insomma, conoscere questo Pianeta prima che cambi faccia…

IMG_8282

Latest Comments
  1. FRANCESCO
    Rispondi -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *