Il Segreto scientifico della Felicità

smail
Non so perché, ma è da sempre la più grande ambizione dell’essere umano. Sto parlando della felicità. In un certo senso, cerchiamo di rincorrerla tutta la vita.

Sarà per questo motivo, ma spersonalizzarla e ridurla ad una formula, mi ha lasciato l’amaro in bocca. Si, perché l’ultima scoperta sembra essere una equazione matematica in grado di prevedere la felicità. Un gruppo di ricercatori dell’University College di Londra sono stati capaci di formulare un’equazione per calcolare il grado di felicità per oltre 18.000 persone nel mondo. In particolare, tali scienziati hanno creato una app dal titolo “The Great Brain Experiment” per coinvolgere tante persone contemporaneamente. I risultati di questo studio sono stati pubblicati, a luglio 2014, sulla rivista Proceedings of the National Academy of Science. Le variabili prese in considerazione per calcolare il grado di felicità riguardavano le aspettative e i risultati raggiunti, in base ad azioni o a scelte ben precise. I dati hanno evidenziato che le persone con minori aspettative risultavano le più felici e che soldi e ricompense economiche non rappresentavano un incentivo.

La finalità dello studio era la ricerca di nuovi trattamenti per i soggetti che soffrono di disturbi dell’umore.

Un’altra notizia recente, che riguarda sempre la felicità, è emersa grazie ad un sondaggio portato avanti dall’Università inglese di Warwick, che si è concretizzato nel World Happiness Report 2013. L’indagine è stata effettuata su 131 Paesi delle Nazioni Unite. I cittadini più felici sono risultati i danesi; quindi viva la Danimarca che sforna persone tanto felici! A seguire abbiamo Norvegia, Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. Fanalino di coda, lo stato dell’Africa, Togo.

I ricercatori inglesi che hanno approfondito i dati dello studio, pubblicato a luglio 2014 su un Discussion Paper dell’Istituto tedesco IZA, hanno scoperto che è il DNA ad influenzare il grado di felicità. In particolare, i danesi hanno un DNA meno prone a una mutazione del gene in grado di influenzare i livelli di serotonina nel cervello. Gli abitanti degli altri Paesi hanno, invece, una versione più corta del gene che li porta a sentirsi meno soddisfatti. L’Italia? E’ al 45° posto.

Esiste anche un social network sulla felicità che si chiama Happier, dove è possibile condividere SOLO i momenti felici della propria vita. Lo possiamo definire come un luogo dove celebrare la vita. E più si condividono e si pubblicano foto di momenti felici, più si può dare vita ad una libreria di ricordi piacevoli.

La filosofia che ispira questo sito è semplice, la felicità può essere contagiosa e parte della nostra vita, basta concentrarsi sulle piccole cose.

Sicuramente, le persone che si allenano ad avere pensieri positivi sono meno predisposte ad avere problemi psicologici. Questo è sostenuto anche dal prof. Martin Seligman, che insegna psicologia all’Università della Pennsylvania.

Seguendo quest’idea, la maison beauty Lanĉome ha creato un portale a misura di donna (la vie est belle), una sorta di contenitore della felicità. In questo luogo, grazie ad un test iniziale, ogni donna può scoprire il suo profilo e ricevere dei consigli per migliorare il proprio benessere, la propria autostima e la propria serenità.

Vi lascio con una curiosità. In svariate scuole di alcuni Paesi del mondo, c’è un nuovo metodo didattico che prevede l’introduzione dell’Educazione positiva e, in alcuni casi, di una nuova materia di studio, la Felicità. Questo, per es., sta accadendo in un centinaio di scuole tedesche e in un liceo in Australia.

Non mi sembra un’idea sbagliata. In fondo, la felicità è l’idea che lega ogni persona e, quindi, perché non cominciare a studiarla fin da piccoli!

 

 

Per approfondire:

Libro “Le ragioni della felicità” di Christian Boiron, Ed. Sperling and Kupfer

Libro “Siamo tutti fatti per essere felici” di Christian Boiron, Ed. Sperling and Kupfer

http://www.pnas.org/content/early/2014/07/31/1407535111.abstract?sid=6ba1bdcf-77ed-4b2f-a617-3e6dd7cb3c5c%20

http://ftp.iza.org/dp8300.pdf

http://unsdsn.org/resources/publications/world-happiness-report-2013/

https://www.happier.com/home

http://voicesfromtheblogs.com/tag/ihappy/

http://www.lavieestbelleconlancome.it/

http://www.youtube.com/watch?v=U4hG9UHXO0M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *