Dieta Raw Food

raw-food

Si tratta di un regime alimentare molto in voga tra le celebrities. Natalie Portman, Carol Alt, Uma Thurman e Demi Moore la seguono regolarmente. Diciamo che la base di partenza è la dieta vegetariana. Però prevede un consumo di alimenti crudi. Con il divieto assoluto di consumare cibi precotti, con conservanti o da cuocere. Si possono soltanto scaldare o bollire i cibi, a temperatura massima di 45°C. Capite bene come germi e batteri a queste basse temperature sopravvivano!

Naturalmente, il consumo di frutta e verdura crude è molto salutare, perché mantiene inalterate le proprietà di vitamine e minerali in essi contenuti.

Bisogna però considerare eventuali carenze alimentari, conseguenza dell’eliminazione delle proteine animali. Inoltre, è possibile una carenza di ferro, calcio e alcuni tipi di vitamine, principalmente quelle del gruppo B.

Dietro però c’è anche un tipo di filosofia salutista. Infatti, seguire questo tipo di dieta vuol dire anche non inquinare e rispettare l’ambiente. E poi si dà un valore particolare agli alimenti, che vengono considerati vivi (da qui l’importanza di non eccedere con le temperature nella cottura).

Come tecniche per cucinare i cibi si predilige la germogliazione, principalmente per i cereali. Oppure la fermentazione, grazie alla quale i cibi sono lasciati invecchiare e vengono pre-digeriti da lieviti e batteri, rendendoli più assimilabili.

In Italia, viene semplicisticamente definita crudismo ed è forse un po’ meno estremista.

Si tratta di un regime alimentare in grado certamente di contrastare l’obesità e l’insorgenza delle malattie cardiovascolari. Lo conferma uno studio del 2003, svolto all’Università di Toronto dal Prof. Jenkins.

I risultati di uno studio che si è svolto in 27 anni di osservazioni nella Cina rurale, sono stati pubblicati, invece, nel libro The China Study. Tale studio epidemiologico è stato eseguito dallo scienziato americano T. Colin Campbell e da suo figlio Thomas M. Campbell, che hanno associato tutta una serie di danni conseguenti all’uso di un’alimentazione ricca di proteine animali. Sono stati presi in considerazione vari tipi di tumore, malattie come l’obesità e le malattie degenerative. Lo studio, in collaborazione con la Cornell University, l’Accademia cinese di Medicina preventiva, con quella delle Scienze Mediche e la Oxford University, si è svolto in due fasi, una dal 1983 e l’altra dal 1989 in poi. Questo libro mette, inoltre, l’accento sull’enorme disinformazione a livello alimentare, portata avanti dai governi e dalle lobby coinvolte nel settore, proprio per mantenere il controllo sulla cura delle malattie.

Una recente sostenitrice di questa dieta è Kate Middleton, duchessa di Cambrige. Il suo scopo non sarebbe tanto avere un fisico perfetto, ma dare luminosità a pelle e capelli. Sembra che il suo piatto preferito sia il pesce crudo, marinato con limone e spezie.

Carol Alt ha scritto 2 libri su questo tipo di regime alimentare e, cioè, The Raw 50 (per le donne che vanno incontro alla menopausa) e Eating in the Raw (guida per dimagrire con i cibi crudi).

Il mio consiglio, naturalmente, è sempre lo stesso. Farsi seguire da un medico competente. E avvicinarsi a questo stile alimentare gradualmente. Molti saranno i vantaggi immediati, come una forte sensazione disintossicante. Andremo così, progressivamente, a ripulire il nostro apparato digerente e a eliminare le tossine dal nostro organismo.

Per approfondire:

Libro “Il crudo è servito. I segreti del crudismo per vivere più sani senza rinunciare al piacere del cibo”, di L. Giovannini e G. Cocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *