La forza innovatrice della guerra

DSC_9415SMALL

Una mia amica è arrivata a Londra e in regalo mi ha portato un barattolo di miele da 1kg. Non poteva portarlo a mano, ha cercato tra i passeggeri del volo qualcuno che glielo potesse mettere in valigia. Ha chiesto a una ragazza ma la madre si è rifiutata adducendo le solite scuse  “non prendere niente da gente che non conosci’ .. –  La mia amica ha insistito finchè la ragazza ha capito che non si trattava di niente di pericoloso considerato che avrebbe volato sullo stesso volo. Ma come hai fatto ad insistere? gli chiedo – ‘ Sono determinata a non farmi condizionare da quello che ci sta succedendo intorno ..’ mi risponde.

Il condizionamento al quale saremo sottoposti da quì in poi ci farà saltare i nervi, è una buona idea quella di continuare a pretendere di essere liberi.

Venerdi mattina quando ho scritto il post ho cominciato a parlare della difficoltà che hanno gli scienziati di trovare una soluzione che trascenda la nostra economia insostenibile. E’ vero che siamo schiacciati dalla violenza del terrorismo e dalla reazione repentina dei governi di partecipare alla guerra ma non dimentichiamo che il nostro male inarrestabile è il cambiamento climatico e il consumo delle risorse del Pianeta. Continuerò a parlarne nei prossimi giorni ..

Voglio citare Alberto Savinio perché quello che ha detto nel 1975 è l’unica  parte positiva di un processo lungo, buio e distruttivo.

” E’ vero che le guerre distruggono, ma è vero altresì che le guerre edificano. Le guerre aprono ogni volta un’era nuova. E così grande è questa forza edificatrice delle guerre, così grande è questa loro forza innovatrice, che tra guerra e guerra la vita rimane immobile e immutata, quasi le guerre soltanto abbiano la necessaria forza, la necessaria audacia, le necessaria spregiudicatezza di uccidere il già consumato e fare largo a ciò che aspetta di vivere. Se la guerra non fosse così avida di morte e di dolore, quale rivoluzione salutare, quale rigeneratrice! Le guerre chiudono un’epoca e aprono un’epoca nuova.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *