Rimediare ai danni della cellulite in maniera naturale

 

oli vettori

Ci avviciniamo alla primavera e la preparazione all’estate è ormai nell’aria. Sicuramente, uno dei problemi più fastidiosi che affligge, ahimè, moltissime donne italiane è la cellulite. È difficile debellarla, soprattutto quando si comincia ad intervenire negli stadi più avanzati.

Non voglio affrontare i trattamenti relativi alla medicina estetica, che non mi competono. Voglio, però, darvi dei consigli per quello che riguarda l’alimentazione, che gioca un ruolo fondamentale, e alcuni rimedi utili per fronteggiare la famigerata “buccia d’arancia”, senza dimenticare che l’attività fisica è un toccasana per questo tipo di problema, poiché riattiva la circolazione sanguigna e favorisce il drenaggio linfatico.

Per quanto riguarda l’alimentazione, dobbiamo puntare su cibi che vadano a diminuire la ritenzione e a migliorare la circolazione. Evitiamo, quindi, affettati, dadi commerciali, sale (dove possibile), bevande alcoliche e fumo. Andremo, contemporaneamente, ad incrementare l’assunzione di frutta e verdura, per aiutare il sistema linfatico e placare le infiammazioni tissutali. Non dovrà poi mancare il pesce (principalmente azzurro e salmone), che è un antinfiammatorio naturale ed è in grado di abbassare il colesterolo. Impariamo anche ad utilizzare le fonti vegetali di omega 3, come i semi di zucca, lino, sesamo e girasole.

Se poi siamo appassionate di tisane, possiamo puntare su quelle drenanti a base di centella asiatica, ippocastano e finocchio.

Rimedi naturali molto efficaci, ma spesso ignorati sono quelli a base di oli essenziali. Ce ne sono alcuni veramente ottimi, che possono essere utilizzati per trattare questo inestetismo, principalmente nel primo stadio. Di solito, si usano miscelati ad altri oli, chiamati vettori, che rendono più facile l’applicazione sulla pelle e ne arricchiscono la soluzione. Gli oli vettori più utilizzati sono: di rosa canina, utile anche nel caso di smagliature, perché ricco di acido gamma linoleico; di jojoba, idratante; di avocado, utile per pelli secche e visibilmente invecchiate, rappresenta un vero riparatore naturale; di semi d’uva, che ha azione astringente.

La preparazione con gli oli essenziali prevede che vengano utilizzate 10 gocce di olio essenziale per 2-3 cucchiai di olio vettore, miscelando fino a rendere omogenea la soluzione. Tale miscela si può utilizzare per preparare un bagno caldo. Oppure è possibile eseguire dei massaggi con una spugna vegetale, utilizzando movimenti circolari per almeno 15 minuti. In questo caso, conviene prepararsi un barattolino, utilizzando 15 gocce in 50 ml di olio vettore.

Ma quali sono gli oli essenziali da adoperare? Vediamoli insieme.

Olio di lavanda
Ha un’azione calmante e terapeutica per la pelle. Contribuisce al drenaggio dei liquidi accumulati, tipici della cellulite.

Olio di rosmarino
Aiuta a stimolare la microcircolazione. Ed è utile nei casi di stress. Viene anche adoperato sul cuoio capelluto per problemi di alopecia. Ne è sconsigliato l’uso in gravidanza.

Olio di pompelmo
Riattiva il metabolismo e riduce il senso di fame. Aiuta ad eliminare le tossine accumulate e a rassodare la pelle. È un super drenante.

Olio di limone
Aiuta il sistema circolatorio (principalmente periferico) e linfatico. È utile anche nei casi di vene varicose. Purifica la pelle grassa.

Olio di mandarino
Previene le smagliature grazie alla sua azione elasticizzante. Riattiva la circolazione.

Olio di ginepro
Ha un profumo intenso e, infatti, agisce anche tramite inalazione (aromaterapia). È indicato per riattivare la circolazione, in particolare per le varici e le emorroidi.

Olio geranio
È ricco di geraniolo, che aiuta nella cicatrizzazione dei tessuti. Rassoda la pelle e favorisce la circolazione. Ha anche azione astringente.

Olio di cipresso
È un vasocostrittore. Ha attività diuretiche, drenanti. È fenomenale per riattivare il microcircolo nei massaggi e per contrastare le vene varicose. Depura dalle tossine e riequilibra la secrezione di sebo.

Ricordatevi che gli oli essenziali sono generalmente irritanti, quindi evitate il contatto diretto con occhi e mucose.

Buon massaggio!

Per approfondire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *