L’eterna bellezza si può ottenere con prodotti costosi?

igiene naturale

E’ chiaro a tutti, il momento di crisi che stiamo attraversando in quasi tutti i settori dell’economia. Eppure il mercato del lusso sembra non essere toccato da tale problema, perché continua ad incrementare il fatturato. Le più prestigiose marche di cosmetici hanno lanciato sul mercato, negli ultimi anni, prodotti dai prezzi elevatissimi, che si distaccano dagli articoli low-cost, tanto in voga in questo periodo di crisi.

Ma come mai assistiamo ad una così grande differenza di prezzo su un prodotto che dovrebbe avere la stessa funzione, come per esempio una crema antirughe o un contorno occhi? Sicuramente, il marchio incide sul 40% del prezzo del cosmetico. Poi anche le confezioni, il packaging, eseguito con materiali di pregio, o il design incidono nettamente. Un altro punto, poi, che influenza il costo è la distribuzione.

A parte questa serie di cose, mi viene da chiedere se effettivamente siano prodotti/cosmetici in grado di fare la differenza. E quindi, forse sarebbe più utile soffermarci sul contenuto, tenendo per esempio in considerazione l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), la denominazione internazionale degli ingredienti. E’ possibile, infatti, vedere quali cosmetici siano più sani attraverso l’INCI dei loro ingredienti, utilizzando il database dell’Environmental Working Group. In Italia, possiamo farlo attraverso il sito del Biodizionario.

A questo proposito, voglio riportarvi i risultati di uno studio condotto su prodotti dell’igiene personale e cosmetici. Tale studio, condotto da alcuni ricercatori della University of California di Berkley e della Clinica de Salud del Valle de Salinas di Salinas (finanziato dal Programma di Ricerca sul Cancro al seno della California) e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives ha messo in evidenza come siano sufficienti 3 giorni di utilizzo di cosmetici e prodotti naturali per ottenere una grande diminuzione dei livelli di sostanze tossiche nell’organismo di ragazze adolescenti. Il campione preso in esame è di 100 ragazze, di età compresa tra 14 e 18 anni, che per 3 giorni hanno utilizzato solo prodotti per l’igiene personale e cosmetici forniti dal gruppo di ricerca. I prodotti in questione risultavano privi di interferenti endocrini, quindi privi di parabeni, triclosan, ftalati e oxybenzone.

Teniamo presente che i cosmetici chimici vengono assorbiti dalla pelle, possono danneggiare il sistema linfatico fino alla formazione di un tumore. Infatti, per esempio, analizzando il cancro al seno, sono stati trovati parabeni nel 99% dei tessuti.

olio naturale

Sembra chiaro, quindi, che basta utilizzare prodotti per l’igiene naturali per “liberarsi” dalle sostanze chimiche assorbite con l’utilizzo di cosmetici chimici.

Vogliamo parlare poi dei risultati strabilianti che si dovrebbero ottenere con le costosissime creme, soprattutto antirughe? Uno studio americano, pubblicato sulla rivista statunitense Consumer Reports, ha indicato come migliore crema antirughe un prodotto che costa solamente 19 dollari. L’indagine ha preso in considerazione una serie di cosmetici famosi antietà, il cui prezzo variava da 19 a 355 dollari. Le creme sono state testate da venti donne di età compresa tra i 17 e i 30. L’esperimento è durato 12 settimane e i risultati sono stati analizzati da un laboratorio europeo specializzato in cosmetici. Durante tale periodo, le rughe e i segni d’espressione sono risultati solo leggermente attenuati, con cambiamenti quasi invisibili ad occhio nudo. La cosa da sottolineare è che non vi era differenza tra i prodotti meno e più costosi.

Il mio consiglio è semplice. Scegliete prodotti dermocompatibili per la vostra salute, ma anche ecocompatibili: che fanno bene alla nostra pelle ma che non impattano negativamente sull’ambiente. Anche l’Associazione Internazionale di Ecodermatologia, la Skineco, ne promuove l’utilizzo.

Per approfondire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *